Nome

(cognome da ragazza, cognome da maritata, nome. Pseudonimo tra parentesi)

Moretti Mateldi, Bruna (Brunetta)

 

Nascita

(luogo, giorno, mese e anno)

Ivrea, 3 settembre 1904 - Milano, 1 gennaio 1989

 

Attivitą

(oltre all'illustrazione, segnalare eventuali altri ambiti di attivitą)

Pittrice, giornalista, disegnatrice di moda, stilista, costumista

 

Studi

(segnalare soprattutto cittą, anni e generi della formazione artistica)

Accademia di Belle Arti, Bologna; Accademia Albertina, Torino

 

Notizie biografiche

(in forma di succinto curriculum)

Formatasi nell'ambiente musicale familiare, studia danza classica e svolge studi artistici Bologna e Torino. Determinante l'incontro con l'artista-maestro Filiberto Mateldi sposato nel 1930. Dopo l'esordio alla "Gazzetta del Popolo" e a "La Stampa" di Torino, dalla fine degli anni Venti collaborerą a una sessantina di riviste illustrate italiane e straniere con disegni, articoli e rubriche di moda: celebre il sodalizio per Il lato debole di Camilla Cederna su "L'Espresso" 1956-1976. Scenografa e costumista (Il mondo Ź quello che Ź di Moravia), ha allestito vetrine e mostre alla Fiera di Milano. Attiva in pubblicitą con manifesti per Olivetti, Marzotto, Italviscosa, Rhodiatoce, Galtrucco, Rinascente, lavora a Parigi, Londra, New York, con una vasta produzione legata all'universo della moda. Ironica e graffiante cronista dei fasti di Dior, Chanel, Balenciaga, Cardin e Saint Laurent, il suo segno inconfondibile, di vibrante freschezza, sapienza e sinteticitą ideogrammatica, ť quello dell'unico artista italiano apparso su "Harper's Bazaar" e "Vogue". Il suo talento esplode nell'ambiente artistico internazionale, dove si fa conoscere esponendo alla Mostra di sculture da Macy a New York, nelle ambasciate e Istituti italiani di Cultura a Tokio 1966, Camberra, Bangkok, Melbourne, Kabul, Kuala Lampur, Nuova Delhy. Insieme a Mateldi, la cui malattia invalidante la costringerą a rinunciare all'ingaggio a Vogue, disegna caricature e illustra libri per ragazzi. Autrice di libri sulla moda, i suoi testi sono apparsi su una quindicina di periodici

 

Mostre collettive alle quali hai partecipato

(titolo, sede, cittą, anno)

Sindacati, Gall. Pesaro, Milano, 1930; XII Sindacale Lombarda, ivi, 1942; I e II Artisti italiani pubblicitari, ivi, 1956 e 1959; Inter. Exhibition of USA, Women in Advertising, Washington,1966; Gli Annitrenta, Pal. Reale, Milano, 1982; L'Italia che cambia, Permanente, ivi, 1989, 147; L'invito al viaggio, Genova, 1991; 99% un secolo di illustratori italiani dal 1840 al 1940, Museo dell'Illustrazione, Ferrara, 1994

 

Mostre personali allestite

(titolo, sede, cittą, anno)

Brunetta, Gall. il Milione, Milano, 1933; I gatti di Brunetta, Gall. Apollinaire, Milano, 1956; Trente ans de mode ą la plume, Kursaal, Abano e Pal. delle Esposizioni, Busto Arsizio, 1968; Brunetta, Gall. Gian Ferrari, Milano, 1969; Espace Cardin, Parigi, 1977; B. oltre la moda, Libr. Einaudi, Milano, 1977 e Amore, ivi, 1980; Brunetta moda critica storia, CSAC, Parma, 1981; Le persone che hanno fatto grande Milano, Alemagna, ivi, 1981

 

Principali tecniche utilizzate per illustrare

(tradizionali: matita, china, acquerello, tempera, altro, o digitali)

China, pennarello, acquerello, tempera.

 

Libri che hai scritto e illustrato

(titolo del libro, cittą, editore, anno)

Metamorfosi, Milano, Lucini, 1968; Il vizio del vestire, Milano, Ed. Donne, 1981

 

Libri che hai illustrato

(autore, titolo del libro, cittą, editore, anno)

G. Ardau, Teatro di prosa (con Sini e Mateldi), Milano, Sonzogno,1930; G. Fanciulli, Il giro dell'anno, Torino, SEI, 1936; G. Fanciulli, Lisa-Betta al mare, Torino, SEI, 1937; G. Fanciulli, Cuore del Novecento, Torino, SEI, 1938; M. Dandolo, Il tesoro nascosto, Milano, Cassa di Risparmio Prov. Lombarde, Alfieri e Lacroix, 1937; C. Giardini, La commedia degli inganni, Milano, Bompiani, 1939; G. Anguissola, Annabella, Biancarosa e Stellina, Milano, Archeotipografia, 1939

 

Copertine singole

(autore, titolo del libro, cittą, editore, anno)

G. Deledda, La chiesa della solitudine, Milano, Treves, 1936; G. Titta Rosa, Donne inquiete, Milano, Treves, 1936

 

Periodici ai quali hai collaborato

(titolo del periodico, cittą anno)

Domenica del Corriere, Milano, 1925; Ospitalitą italiana, Milano, 1928; Pasquino, Torino, 1929; Giovedď, Milano, 1930-1931; Vita femminile, Milano, 1931, 1936; La Donna, Milano, 1933, 1936-1937; L'Illustrazione del popolo, Torino, 1933; Mammina, Milano, 1936-1937; Le Grandi firme, Torino, 1938; Mamme e bimbi, Milano, 1938, 1940-1942; MIL, 1938-1939; NIT, 1941; VIE, 1946-1947; Intervallo, Milano,  1972-78; Giornale Tessile, Milano, 1979

 

Manifesti e locandine

(titolo del manifesto, cittą, anno)

San Remo. 1° Festopoli sanremese, Milano, 1939; Pellicceria F. Schettini & C., Milano; Martini, Milano, 1950; Tradate, Milano, 1952; Calze Si-Si, Milano, 1956; Valentino, Milano, 1966; Bemberg, Milano; La Rinascente, Milano

 

Cartoline e calendari

(titolo, cittą, anno)

Calendario omaggio, Firenze, "Scena illustrata", 1940; "tutto tuo", profumo Gi.Vi.Emme, Milano, 1938

 

Premi e riconoscimenti

(titolo del premio, cittą, anno)

Eighteen of the World's most Powerful women, "Sunday Mirror", Londra, 1962; Premio Illustrazione e Premio giornalistico Irene Brin, Milano, 1969; Ambrogino d'oro della cittą di Milano, 1980

 

Bibliografia degli articoli, cataloghi o monografie dedicate alla tua opera

(autore, titolo del periodico, del catalogo o del libro, cittą, anno)

C. Ratta, Congedo, Bologna, 1937; O. Vergani, Donne 1948 di Brunetta, "L'Illustrazione Italiana", 1948; F. Cunsolo, La pubblicitą italiana, Milano, 1955; R. Carrieri, I gatti di Brunetta sono scesi dai tetti, "Epoca", 8.4.1956; D. Villani, 50 anni di pubblicitą italiana, Milano, 1957; Id., Storia del manifesto italiano, ivi, 1964; A. Gatto, Notturna ed europea la cittadina Brunetta, "Costume", 1957; International Poster Annual, 1959; L. Vergani, Infilza con la penna la farfalla-donna, "Corriere d'Informazione", 27-28.5.1969; Milano 70/70, II, Milano, 1971; E. Filippini, Passeggiando tra le mode con quei cento disegni, "La Repubblica", 12.4.1977; Disegno italiano, Milano, 1980, 109; E. Ferri, Quella gatta chiamata Brunetta, "Amica", 25.11.1980; R. Enriquez, Amiche mie, nemiche mie, "Panorama", 26.10. 1981; N. Aspesi, I sogni di un'epoca, i disegni di una vita, "Grazia", 22.1.1989; S. Bernasconi, Brunetta e le sue storie di donne, "Vogue", 2.1981; P. Pallottino, L'artiglio della farfalla, "Pilot", 2:1982, 79, Id., Storia dell'illustrazione italiana, Firenze, 2010; Id., Brunetta (1904-1989), "Pagine d'Arte", 1-2.1989; C. Cederna, Quei segni facevano costume, "Corriere della Sera", 3.1.1989; Cat. Bolaffi del manifesto italiano, Torino, 1995; ad vocem, Allegemeine Künstlerlex, vol. XIV, 1996

 

Illustrazione

(in jpg a 300 dpi)

 

Didascalia

(autore, titolo del libro, cittą, editore, anno)

G. Fanciulli, Lisa-Betta al mare, Torino, SEI, 1937